Buon 2023

 

Siamo alla fine del Vecchio Anno ed è tempo di fare le nostre riflessioni su come ci siamo comportati con noi stessi e con gli altri, se siamo contenti delle nostre comunicazioni, sia quelle espresse verbalmente sia quelle trattenute, dei nostri pensieri, delle nostre azioni e scelte: amorevoli oppure distruttive e senza tolleranza né amore.
 
Siamo contenti di quanto abbiamo nutrito il nostro Ego invece di essere Amore, dei conflitti che abbiamo vissuto e che abbiamo creato agli altri? 
 
A fine anno è importante fare un esame di coscienza per capire che cosa realmente abbiamo vissuto, per dare vita a nuovi progetti creativi, per mettere a posto le situazioni che non vanno o ciò che riteniamo di aver sbagliato, così da essere felici e dare tanto amore agli altri e a noi stessi.
 
Nell’antico Egitto, il dio del morti, Anubi, pesava il cuore dei defunti e se risultava leggero come una piuma essi potevano entrare nel regno dei morti affinché la loro forma astrale potesse fare il proprio percorso evolutivo.
 
Se invece il cuore non era leggero, le forme astrali tornavano negli strati inferiori a vivere le pene che avevano causato agli altri e poi a reincarnarsi in un corpo della nostra specie animale dalle fattezze umane, nella totale incoscienza di sé stesse. 
 
Coloro che dal peso del loro cuore erano leggeri come una piuma e brillavano di luce divina in quanto avevano posto rimedio alle nefandezze commesse durante la vita potevano passare attraverso il tunnel delle tenebre senza essere attaccati dalle nefandezze stesse, così come accadeva invece a coloro il cui cuore era spento e pesante perché non si era preso responsabilità del proprio operato. 
 
Quindi, l’augurio che faccio a tutti noi è di fare una profonda riflessione sui nostri comportamenti, affinché ciò che troveremo possa darci la spinta a migliorare tutte quelle parti buie e pesanti che ancora fanno parte di noi.
 
Che il Nuovo Anno sia all’insegna del nostro cuore leggero e splendente della luce divina, affinché ci mostri la strada da percorrere con amore per noi e tutta l’umanità.
 
Con Amore, 
Fiorella