Chi sono

Fiorella Rustici

Origine e motivazione della ricerca su come funziona la mente

Fondatrice del Metodo di Counselling che porta il mio nome, sono nata nel 1955 a Campiglia Marittima (LI) e ho iniziato la mia ricerca indipendente sul funzionamento della mente in relazione alla coscienza spirituale nel 1978, mentre ancora lavoravo in ospedale come Tecnico di Radiologia.

La mia motivazione a condurre questa ricerca è maturata proprio durante il lavoro quando, a contatto con i malati terminali, parlavo con loro nei momenti in cui le radiografie venivano sviluppate o mentre aspettavano che l’infermiera del reparto venisse a prenderli. Li ascoltavo nella loro sofferenza non solo fisica ma anche spirituale, dovuta alla forte consapevolezza che la loro coscienza1 aveva sviluppato via via che il corpo deperiva energeticamente e si rendevano conto di aver vissuto la vita, fino a quel momento, con la coscienza come anestetizzata. Questo accadeva perché vedevano in modo diverso i propri ricordi e distinguevano davvero soltanto allora, a pochi mesi dalla morte, le cose giuste da quelle sbagliate che avevano fatto durante l’arco della loro vita. Ciò mandava in crisi anche me, perché io sapevo già allora che è la mente inconscia con i suoi meccanismi che impedisce alla coscienza di svilupparsi durante la vita “da sani”.

Vivere con la nostra coscienza sveglia e in grado di tenere le redini della nostra vita

Le forti crisi esistenziali dovute al crollo delle illusioni che questi malati si erano dati nella vita e che non avevano permesso alla loro coscienza di venir fuori, unite alla consapevolezza di non aver più tempo ed energie sufficienti per mettere a posto le situazioni della loro vita, davano luogo a un dolore fortissimo che io percepivo e che mi faceva sentire incapace di aiutarli. Trovavo ingiusto che solo vicino alla morte avesse luogo nella coscienza umana questo sviluppo del livello di consapevolezza, quando sarebbe stato importante che ciò avvenisse prima, durante tutto l’arco della vita, così da poter vivere con una coscienza sveglia e consapevole, con serenità, amore, etica, responsabilità e giustizia verso se stessi e gli altri.

Che cosa sono le meccaniche mentali e a che cosa serve conoscerle

Io avevo vissuto già allora alcune esperienze che mi avevano resa consapevole dell’importanza di conoscere come funziona la mente, perché mi ero accorta che tendiamo a ripetere sempre i medesimi comportamenti e atteggiamenti e a riprodurre le stesse situazioni e gli stessi conflitti, oltre che ad avere i medesimi fallimenti.

Forte di questa intuizione, ho iniziato a fare ricerche in forma applicata su come funzionano le molteplici leggi dell’energia mentale, identificandone un certo numero. Le ho quindi codificate dando un nome a ciascuna e spiegandone il funzionamento, e le ho anche definite con il termine collettivo di “meccaniche mentali” 2. In questo modo ho posto le basi per poter trasmettere il frutto dei miei studi: infatti, proprio come ci sono le leggi fisiche, chimiche e biologiche, esistono anche le leggi dell’energia mentale che ho voluto chiamare “meccaniche mentali” per sottolineare che, come tutte le leggi, possono essere osservate nel loro funzionamento e negli effetti che producono. Questa conoscenza è quindi immediatamente utilizzabile in forma applicata da chiunque.

Quella delle illusioni che crollano in particolari momenti della nostra vita è stata la prima meccanica mentale che ho studiato, in quanto essa si sviluppa, e ci influenza, durante tutto il nostro periodo di esistenza.

Conoscere le meccaniche mentali consente a noi come parte cosciente di renderci conto, in ogni momento, se e quando esse si attivano nel nostro quotidiano, e – dato che ognuna di esse produce risultati sempre uguali e quindi non adatti alle diversità e specificità delle situazioni che viviamo – di intervenire per decidere delle nostre azioni senza farci influenzare dalle meccaniche stesse.

Le meccaniche mentali si sono stratificate nel tempo

La mia ricerca non si è fermata a scoprire il funzionamento delle meccaniche mentali che si attivano durante la giornata e approfonditamente descritti nel libro Fai funzionare bene la Mente ma è andata più in profondità, poiché avevo già anche compreso che la mente è molto più antica di quello che si potrebbe immaginare. Ho descritto il risultato delle mie ricerche sul passato profondo all’interno del libro E Dio creò la Mente, un testo più complesso rispetto agli altri: dalla nascita delle prime meccaniche mentali dell’energia messa in esistenza, che ha dato origine alla prima Mente Universale, fino al primo Big Bang e ai successivi, per ad arrivare ai giorni nostri.

La nascita del Metodo di counselling Fiorella Rustici®

Negli anni Ottanta del secolo scorso ho inoltre vissuto un’esperienza di pre-morte che mi ha permesso di capire in prima persona come si sente un individuo che sta per morire e quale aiuto gli si può dare. Ho descritto una parte di ciò che ho compreso nel libro Morte e dintorni, in cui sono presenti molte indicazioni per assistere chi sta per lasciarci e superare il lutto.

Nel 1986 ho cominciato a dare una struttura organizzata ai risultati delle mie ricerche che, nel tempo, sono sfociati nel Metodo Fiorella Rustici®, strumento di counselling completamente originale e dotato di regolare registrazione presso il competente ufficio dell’Unione Europea, per diffondere il quale conduco corsi e stage residenziali, tengo conferenze, partecipo a convegni italiani e internazionali. Erogo inoltre, sia direttamente sia attraverso persone da me specificamente preparate, dei colloqui di consapevolezza individuali attraverso i quali le persone possono osservare il funzionamento delle meccaniche mentali e il contenuto dei propri ricordi consci e inconsci, recenti e remoti.

Pubblicazioni

Ho scritto i seguenti libri:

  • Fai funzionare bene la mente (Macro Edizioni, 2003), che descrive come prendere in mano le nostre scelte e rendere più consapevoli i nostri comportamenti quotidiani individuando e fermando le meccaniche mentali più pervasive;

  • Come la Mente Genetica condiziona il rapporto di coppia (Macro Edizioni, 2010), che si sofferma su come prendere consapevolezza delle meccaniche innescate dal nostro rapporto familiare e di coppia, in modo da viverlo secondo i nostri desideri;

  • Morire senza Paura (Hermes Edizioni, 2005), che illustra quali meccaniche mentali caratterizzano il periodo terminale del nostro ciclo di vita in modo da aiutare chi si avvicina al momento del trapasso e poi superare il lutto;

  • Morte e Dintorni. Consigli pratici per evolversi, prima, durante e dopo l’ora X (Hermes Edizioni, 2014), che è l’edizione aggiornata di Morire senza Paura

  • Mente Genetica e Coscienza Spirituale (Edizioni ATC, 1995), che osserva in dettaglio il rapporto tra la nostra coscienza spirituale da un lato, e la coscienza e la mente che ereditiamo dai nostri genitori e avi (genetica) dall’altro;

  • E Dio creò la Mente (Macro Edizioni, 2008), nel quale sono descritte le meccaniche mentali in un’ottica temporale (quali sono nate prima e come hanno posto le basi per le successive, e quali si sono sviluppate dopo), e anche la nascita della coscienza;

  • Il Karma come sconfitta spirituale (Edizioni ATC, 1991), il precursore di E Dio creò la Mente.

  • Il Cancro dell’Essere (Edizioni ATC, 1989), il precursore di Fai funzionare bene la Mente.

1 Definizione di “coscienza spirituale” e di “consapevolezza” (riprese dal libro Fai funzionare bene la Mente). Dato che nella lingua italiana le parole coscienza e consapevolezza sono spesso utilizzate come sinonimi, è opportuno specificare con quale significato le utilizza Fiorella Rustici all’interno delle sue ricerche. Per “coscienza” intende la parte più eterea della mente della forma astrale, capace di intuire situazioni e concetti anche senza la conoscenza specifica di come funziona la mente (la forma astrale è il corpo energetico sottile distinto rispetto al corpo fisico, che ne esce quando questo muore). Per “consapevolezza” intende invece la capacità della coscienza di comprendere osservando il funzionamento della mente nella vita e in relazione a sé stessa coscienza; ogni volta che la coscienza comprende qualcosa in tal senso crea attimi di consapevolezza.

2 Definizione di meccanica mentale (ripresa dal libro Come la Mente Genetica condiziona il rapporto di coppia): “Ogni esperienza vissuta dalla materia e dall’energia, e quindi anche dall’essere umano, è registrata sotto forma di copia dentro la mente. In seguito la mente, ogni volta che riconosce nell’ambiente qualcosa di simile all’esperienza copiata, la fa ripetere automaticamente. La copia è la meccanica mentale che, ripetendosi continuamente, crea uno schema mentale automatico e senza coscienza alcuna. Le meccaniche mentali sono alla base di tutto ciò che compone l’esistenza e funzionano per tutti alla stessa maniera. Nel testo Fai funzionare bene la Mente Fiorella Rustici analizza come funziona la mente attraverso la descrizione delle sue meccaniche principali, che intervengono nella nostra vita di ogni giorno e di cui subiamo gli effetti regolarmente se non le conosciamo”.